MF.House

Sulla collina recanatese, un modello di casa "near zero emission" all'italiana. Consumi ridotti nel rispetto del paesaggio, con spazi contemporanei, relazione interno-esterno e una struttura in acciaio che ha ridotto i costi e i tempi di cantiere.


Salvaguardando orientamento, sagoma e volumetrie dell'abitazione rurale che avrebbe sostituito, l'intervento aveva l'obiettivo di realizzare un fabbricato a emissioni quasi zero lavorando su un budget molto contenuto.

Il nuovo edificio si sviluppa su tre piani e la copertura, adeguatamente coibentata, integra pannelli fotovoltaici che si estendono anche alla serra. Un giardino d'inverno a doppia altezza che, reinterpretando in chiave contemporanea la tipica loggetta delle case marchigiane, contiene la scala di collegamento tra i due livelli fuori terra e permette di sfruttare gli apporti gratuiti dell'irraggiamento solare nel periodo invernale, riducendo il fabbisogno termico e permettendo di fare della luce l’abitante principale dello spazio interno.


La luce, infatti, filtrata e dosata a seconda delle ore del giorno e del passare delle stagioni, attraverso le schermature movibili, penetra nello spazio passando da un piano all’altro, percorrendo la scala e riempiendo gli ambienti di un’atmosfera calda ed accogliente, a cui contribuisce anche il color miele delle finiture.


Il progetto vede la realizzazione di un’ampia zona giorno al piano terra e l’alloggiamento della zona notte nell’ampio soppalco con struttura in acciaio e vetro a vista.


A creare un climax spaziale, il soggiorno a doppia altezza realizzato attraverso un affaccio dal soprastante soppalco.

A piano terra, ampie aperture lungo i lati minori aiutano a regolare la ventilazione della zona giorno a seconda dell'apporto di calore prodotto dalla serra. ​

MF.House
press to zoom
MF.House
press to zoom
MF.House
press to zoom
MF.House
press to zoom
MF.House
press to zoom
MF.House
press to zoom
MF.House
press to zoom
MF.House
press to zoom
1/1